Decreto di Consacrazione

stemma-giuliodori

Visualizza Decreto

Figli della Luce

stemma-con-scritta

Facebook

Testimonianza Cripta Parrocchia Immacolata - De Baggis Cecilia


Io sono Cecilia, mi conoscete tutti. Posso solo ringraziare il Signore per questa grazia a cui Lui mi ha condotta. Davvero Lo ringrazio con tutto il cuore perché mi ha condotta, nonostante tante diffidenze e resistenze, soprattutto giovanili. Quando la chiamata è arrivata, non avevo ancora diciotto anni, ed è stato come un fulmine a ciel sereno e non è stato facile accettarla per me. Ho capito subito che il Signore mi chiamava a donarmi a Lui, a lavorare per la chiesa; questa era la parte bella, però dall'altra parte c'era la rinuncia: agli ideali di una famiglia, agli affetti che come tutti desideravo costruirmi, costruire la mia vita, il mio mondo. Questo ha portato in me un grande travaglio, una grande lotta, però non volevo dire di no a Gesù. Vedevo che Lui me lo chiedeva dal suo Getsemani, dove aveva detto al Padre: "Se è possibile passi da me questo calice, ma non come voglio io ma come vuoi tu".

.

Questo m'innamorava anche di Lui, per cui non potevo altro che tentare di abbandonarmi, anche se la fatica sembrava impossibile. Poteva essere solo un'opera della grazia questa, infatti, poco dopo mi fidanzai, addirittura, però lo pregavo sempre e capii subito che non era quella la mia strada.

Il Signore ha fatto Lui, mi ha riportato a Lui relativamente in breve e lì ho sentito la gioia, che avevo capito bene fin dall'inizio, ma con la grazia della Consacrazione alla Madonna, ho ricevuto la forza di abbandonarmi per la strada che lui voleva. Così mi sono messa in cammino.

Il travaglio era dovuto anche al fatto che io non avevo nessuna attrazione, nessun interesse per tutte le congregazioni che avevo conosciuto e che mi era capitato di vedere nella vita. Non volevo incamminarmi in una strada così, proprio non mi sentivo.

Quando frequentavo gli incontri qui, invece sperimentavo il Dio della gioia, il Dio della pace, il Dio che mi chiamava, che mi voleva per sé. Capivo che attraverso la realtà che si stava creando qui, dovevo servire il Signore e qui ho perseverato. Questo mi ha portato a impegnarmi in questo cammino come tutti voi e a condividere tutto quello che sono le missioni che il Signore ci affida qui.

Per questo Lo ringrazio, per questo ringrazio tutte le testimonianze di fede, di donazione che sono state per me un esempio.

Con questo vi chiedo ancora preghiere, non solo per me, ma per tutti noi, perché ci possiate accompagnare in questi nove giorni che mancano, c'è un countdown sul nostro sito, quindi proprio una novena.

So che questa preghiera porterà tanti frutti di grazia non solo per noi, ma per ciascuno di voi che ci accompagnate perché siamo un corpo solo.