Decreto di Consacrazione

stemma-giuliodori

Visualizza Decreto

Figli della Luce

stemma-con-scritta

Facebook

La Lum de Roisc - Programmazione 2017

opuscolo ROISC

La Lum de Roisc
Strada de Roisc, 8
38030 SORAGA (TN)
Cell: +39 3404118323

pdfScarica Programmazione 2017

Lo Stemma

Spiegazione dello Stemma  dei Consacrati

"Figli del Sacro Cuore di Gesù"

Interpretazione dei simboli

LOGO---Figli-del-Sacro-cuore-di-Ges-1

Sacro Cuore di Gesù
Su tutto campeggia il Sacro Cuore di Gesù, da cui sgorga il sangue versato per amore da Cristo per la nostra salvezza. Cuore al quale i Figli guardano con devozione, devozione che come diceva Pio XI al paragrafo 4 della Miserentissimus Redemptor, dell'8.5.1928, "non soltanto è il simbolo, ma anche, per così dire, la sintesi di tutto il mistero della Redenzione (...) la più completa professione della Religione cristiana."

E' proprio attraverso il Sacro Cuore di Gesù che si avvera l'opera salvifica di Nostro Signore, ossia attraverso l'amore che prova per l'uomo e la misericordia per le sue sofferenze, così da donare la sua vita per la Redenzione dell'Uomo.

Il cuore viene così a costituire il vero tempio dell'uomo, sorgente di sentimenti e affetti cristianamente intesi, Luce (ecco i simbolici dodici raggi che si irradiano a illuminare tutto)e fuoco, sangue e spine, croce e gloria, nella carne martoriata del Cuore di Gesù. Mistero d'amore nei cieli e sulla terra.
 

La Torre
La torre da sempre è il simbolo della forza e della costanza , ha in se il concetto di rifugio presso cui trovare difesa alle avversità e vuole qui rappresentare queste caratteristiche a noi offerte dalla Beata Vergine "Turris Eburnea", attributo mariano tratto dalle Litanie della Madonna .

Inoltre l'immagine della torre suggerisce quella della inaccessibilità: inaccessibilità al male (Maria è santa) e alla concupiscenza (Maria è vergine).


La Spada

La spada che assume un triplice significato: è lo strumento del martirio di San Paolo, ma è anche il simbolo della Croce  e l'emblema della parola di Dio.

La spada entra nell'iconografia di San Paolo solo dopo il XIII secolo. È durante il medioevo, infatti, che la spada assume un significato morale, simbolico e ideologico: ogni cavaliere deve possedere la propria spada con cui difendersi e difendere la propria fede e religione. La spada di San Paolo è una spada a due lame, tipicamente occidentale, detta anche carolingia dal nome datole da Carlo Magno.

La spada carolingia in ogni caso rappresenta la croce di Cristo. Sarà l'eremita San Galgano, che, dopo aver deciso di abbandonare le sue vesti di guerriero e soldato, pianterà la sua spada in una roccia in modo da rappresentare per lui la croce cui rivolgere le sue preghiere.

La spada è simbolo del bene che sconfigge il male e Dio stesso la userà per sconfiggere il Leviatano: «In quel giorno, con la spada dura, grande e forte, Il Signore, visiterà Levithan, il serpente tortuoso, e ucciderà il mostro che è nel mare.» Isaia 27,1.

Secondo la simbologia occidentale la spada rappresenta anche il Verbo e la parola di Cristo.

In alcuni versi della Bibbia, fra cui quelli dell'Apocalisse, ritroviamo l'immagine di Cristo con una spada a doppio taglio che gli esce dalla bocca, che appunto sta a rappresentare il "Verbo".

La Lettera agli Ebrei dice: "La parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio e scruta i sentimenti e i pensieri del cuor e a lui noi dobbiamo rendere conto": la Parola di Dio viene paragonata ad una spada che opera una divisione tra bene e male.


La Roccia
La roccia è il simbolo della solidità, della stabilità, della durata, della sicurezza, rappresenta sicuramente il fondamento e in quanto tale, questo aspetto si identifica in Cristo. Dio stesso nell'antico testamento è qualificato come la roccia "Egli è la roccia"


Lettura complessiva dello STEMMA
Il Cuore di Cristo, sintesi di tutto il mistero della Redenzione, è il centro focale verso cui tutto tende. Da Lui nasce la luce per una nuova vita, quella dei Figli del di Gesù. Da Lui partono 12 raggi quasi a simboleggiare i 12 apostoli, le 12 stelle che incoronano la Vergine dell'Apocalisse, i 12 Figli del Sacro Cuore di Gesù che per primi si sono consacrati. Subito sotto troviamo la Torre Eburnea, simbolo mariano, Maria, dove il cristiano si rifugia per trovare incoraggiamento e forza per andare verso Cristo. I Figli del Sacro Cuore di Gesù vivono una speciale devozione alla Vergine Maria Regina dell'Amore a cui si sono consacrati e da cui ricevono tutte le cure materne per farsi come Cristo li vuole, per essere come il Signore ha preparato. Maria custodisce con la sua protezione coloro che a Lei si affidano e li porta, giorno dopo giorno all'incontro con Cristo. La torre è ben salda sulla Roccia, simbolo della Parola che alimenta la vita e la spiritualità dei Figli del Sacro Cuore di Gesù, simbolo di Cristo, la Roccia, su cui appoggiano tutta la loro vita fino a dire con San Paolo: "Non sono più io che vivo ma cristo vive in me" (Gal 2,20). La spada appunto richiama l'Apostolo delle Genti da cui i Figli del Sacro Cuore riprendono la frase che ha inspirato la Fondatrice. La spada simboleggia inoltre la Croce, la Parola di Dio che opera la divisione tra il bene e il male. Simboleggia in ultimo la spada che trafigge il Cuore Immacolato di Maria Santissima nel momento della morte in croce di Gesù.

.